Serie B, la classifica degli assistman: tre per tre in vetta. C’e’ anche un calciatore del Foggia.

Si è conclusa domenica sera la 7^ giornata di Serie B, iniziata venerdì 5 ottobre con la sorprendente vittoria del Lecce in casa del Verona. Chi ha approfittato della sconfitta degli scaligeri è stato il Pescara di Pillon che vincendo contro il Benevento si è portato in cima alla classifica. Piena zona play-off per Spezia, Lecce e Palermo, alla quale si sta avvicinando anche il Brescia. Il Foggia trova punti preziosi contro l’Ascoli, mentre Livorno eVenezia fanno fatica ad abbandonare il fondo della classifica.

Ha riposato: Cittadella

Verona-Lecce 0-2

L’anticipo della 7^ giornata se lo è aggiudicato il Lecce, sempre più sorpresa di questa Serie B. La squadra di Liverani ha regolato il Verona a domicilio con una rete di La Mantia, ben servito da Mancosu che ha poi raddoppiato su assist di Tabanelli. Seconda sconfitta consecutiva per il Verona di Grosso che perde anche la testa della classifica, scivolando al secondo posto.

Carpi-Cosenza 1-1

Pari beffardo per il Carpi che trova il vantaggio al 47′ grazie ad una rete di Pasciuti, servito dal solito Mokulu. All’89’, infatti, il Cosenza trova il quarto pareggio personale grazie ad un tiro-cross di Baez che ha sorpreso anche Colombi. Altri punti persi per i padroni di casa nei minuti finali; secondo risultato utile consecutivo, invece, per i calabresi.

Cremonese-Salernitana 0-0

Pareggio a reti bianche tra Cremonese e Salernitana, coi padroni di casa che sono al secondo 0-0 consecutivo. Grigiorossi che hanno attaccato moltissimo verso la porta della squadra allenata da Colantuono. Dall’altra parte, infatti, un ottimo Micai – migliore in campo – nega anche l’impossibile agli avversari, con un Renzetti rammaricato che a fine gara ha commentato: “Ci è mancato solo il gol“.

Foggia-Ascoli 3-2

Partita al cardiopalma tra Foggia e Ascoli che dopo mezz’ora si trovano già con due gol segnati per parte: al 5′ Brosco apre le marcature, ma al 10′ gli risponde Deli. Passano 4 minuti ed è Galano – ex Bari – a portare in vantaggio il Foggia col suo secondo gol consecutivo in rossonero. Al 29′ l’Ascoli riacciuffa il pareggio grazie ad una rete di Ganz. Tutto tace fino al 72′, minuti in cui è Gerbo a mettere fine ad un combattutissimo match, segnando il definitivo 3-2.

Pescara-Benevento 2-1

A seguito della sconfitta del Verona e della vittoria del Pescara sul Benevento, gli abruzzesi sono diventati i nuovi primi in classifica. Sognano i tifosi pescaresi grazie anche ad un allenatore esperto come Pillon. Mancuso ha aperto le danze al 37′ su assist di Memushaj, ex proprio del Benevento. Campani che hanno risposto con Viola al 51′, ma appena due minuti dopo è Pepin a mettere un punto al match, chiudendolo sul 2-1.

Perugia-Venezia 1-0

Torna a vincere il Perugia di Nesta che inguaia i lagunari. Una rete di Melchiorri consegna i 3 punti agli umbri che abbandonano la zona play-out, dove invece rimane il Venezia. La squadra di Vecchi non riesce a vincere dalla 1^ giornata, quando con un secco 1-0 regolò lo Spezia.

Brescia-Padova 4-1

Da Suazo a Corini il Brescia è tutta un’altra cosa. Dopo la rimonta subita da un Crotone in 10 nei minuti finali, le Rondinelle ne segnano 4 al povero Padova. Veneti che però sono stati in vantaggio per un’ora buona di gioco grazie a una rete di Cappelletti. Nell’ultima mezz’ora, però, il Brescia si è scatenato: Tremolada – entrato nel secondo tempo al posto di uno spento Martinelli – ha trovato il pareggio al 61′. Successivamente ci ha pensato bomber Donnarumma ad annientare la squadra di Bisoli grazie ad una fantastica tripletta, che gli consente di essere il nuovo capocannoniere in solitaria della B.

Livorno-Spezia 1-3

Prima vittoria esterna per lo Spezia, dove finora aveva solamente perso. Accade tutto in 24 minuti: pronti via e dopo dieci minuti Crimi e Okereke portano i liguri sullo 0-2. Passano altri 8 minuti e Giannetti accorcia le distanze, ma ci pensa Bartolomei a ristabilirle segnando la rete del definitivo 1-3 al 24′. Spezia che si porta in piena zona play-off, mentre il Livorno diventa il nuovo fanalino di coda. Nel finale espulso anche Lucarelli.

Palermo-Crotone 1-0

Tornato Stellone in panchina, subito un esame difficile come il Crotone. Vincono il match i rosanero, grazie ad un gol del solito Nestorovski nei minuti finali. Male i calabresi che non vincono ormai da 4 giornate. Appena 7 i punti in classifica ed un 12esimo posto, molto più vicino alla zona play-out che a quella play-off. Vittoria scacciapensieri, invece, per il Palermo che torna prepotentemente a ridosso delle prime posizioni.

CLASSIFICA DI SERIE B

Pescara (15)

Verona (13)

Lecce (12)

Spezia (12)

Palermo (11)

Cremonese (11)

Cittadella (10)

Brescia (10)

Benevento (10)

Salernitana (10)

Perugia (8)

Crotone (7)

Ascoli (6)

Padova (6)

Carpi (5)

Foggia (4)

Venezia (4)

Cosenza (4)

Livorno (2)

Il calcio, come da tradizione, è un gioco semplice. Vince la squadra che mette a segno più gol. Per riuscirci però, occorre che nell’undici in campo vi sia anche almeno un giocatore in grado di far andare in gol i compagni. L’uomo assist è merce rara, quasi quanto un bomber di razza. Una stoffa pregiata che in Serie B non sembra mancare. Ecco infatti la classifica aggiornata degli assistman della serie cadetta secondo i dati ufficiali della Lega di Serie B:

Tre assist – Kragl (Foggia), Memushaj (Pescara), Okereke (Spezia),

Due assist – Insigne, Ricci e Viola (Benevento), Curcio e Tonali (Brescia), Mokulu (Carpi), Finotto (Cittadella), Firenze (Crotone), Deli (Foggia), Calderoni (Lecce), Clemenza (Padova), Haas e Trajkovski (Palermo), Jallow (Salernitana), Gyasi (Spezia).

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*