Catanzaro-Avellino-Money Gate: Ecco la sentenza definitiva.

Catanzaro-Avellino (Money Gate, presunta tentata combine): club irpino definitivamente assolto

La Corte Federale D’Appello (Sezioni Unite) ha respinto il ricorso della Procura Federale FIGCL’Avellino è definitivamente assolto dal caso Money Gate in cui era chiamata in causa per la presunta tentata combine del match Catanzaro-Avellino, giocato il 5 maggio 2013. Questo il comunicato pubblicato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio, pochi minuti fa, sul sito ufficiale.

Corte Federale D’Appello – Sezioni Unite
Riunione Mercoledì 11 aprile 2018

1. Ricorso Procuratore Federale – Respinto
avverso il proscioglimento dei sigg.ri:
– Taccone Walter (all’epoca dei fatti Presidente dell’U.S. Avellino 1912 S.r.l.) per violazione dell’art. 7, commi 1, 2, e 5 C.G.S.;
– De Vito Vincenzo (all’epoca dei fatti Direttore Sportivo dell’U.S. Avellino 1912 S.r.l.) per violazione dell’art. 7, commi 1, 2, e 5 C.G.S.;
– Cosentino Giuseppe (all’epoca dei fatti Presidente del Catanzaro Calcio 2011 S.r.l.) per violazione dell’art. 7, commi 1, 2, e 5 C.G.S.;
– Ortoli Armando (all’epoca dei fatti Direttore Sportivo del Catanzaro Calcio 2011 S.r.l.) per violazione dell’art. 7, commi 1, 2, e 5 C.G.S.;
– Russotto Andrea (all’epoca dei fatti calciatore del Catanzaro Calcio 2011 S.r.l.) per violazione dell’art. 7, commi 1, 2, e 5 C.G.S.;
– Muscatelli Francesca (all’epoca dei fatti soggetto che svolgeva, ex art. 1bis, comma 5 C.G.S., attività all’interno e/o nell’interesse della società Catanzaro Calcio 2011 S.r.l. (socio di minoranza) e, comunque, rilevante per l’Ordinamento Federale) per violazione dell’art. 7, comma 7 C.G.S.;
– Pecora Marco (all’epoca dei fatti Amministratore Delegato del Catanzaro Calcio 2011 S.r.l.) per violazione dell’art. 7, comma 7 C.G.S.; e delle società:
– Società U.S. Avellino 1912 S.r.l. a titolo di responsabilità diretta e oggettiva per violazione ex artt. 7, comma 2 e 4, commi 1 e 2 C.G.S.; – Società Catanzaro Calcio 2011 S.r.l. a titolo di responsabilità diretta e oggettiva per violazione ex artt. 7, comma 2 e 4, commi 1 e 2 C.G.S.

 

 

2. Ricorso Sig. Cozza Francesco (all’epoca dei fatti allenatore della società Catanzaro Calcio 2011 Srl) – parzialmente accolto e, per l’effetto, ridetermina la sanzione nella sola squalifica nei limiti del presofferto avverso le sanzioni:
– squalifica per mesi 9;
– ammenda di € 11.900,00; inflitte al reclamante, per violazione dell’art. 1 bis, comma 1 e art. 8, commi 2 e 6 C.G.S. in relazione all’art. 35 comma 2 del Regolamento Settore Tecnico seguito deferimento del Procuratore Federale.

Redazione Sport

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*