Operatore della Polizia trascinato a terra da tre soggetti. Arrivano i daspo per Foggia-Brescia.

DASPO CON OBBLIGO DI FIRMA A CARICO DI DODICI TIFOSI BRESCIANI

.

Il Questore di Foggia Mario Della Cioppa, ha disposto nei confronti di 12 soggetti severi provvedimenti amministrativi di DASPO, emessi in data 15 marzo 2018, che inibiranno l’accesso agli stadi per periodi di tempo compresi dai 3 ai 5 anni.  Ai responsabili delle condotte più violente, per il corrispondente periodo del divieto, è stato prescritto anche l’obbligo di firma presso Uffici di Polizia.

La Polizia di Stato, più in particolare la Digos della Questura di Foggia, unitamente al prezioso contributo della Digos della Questura di Brescia, a conclusione delle attività investigative iniziate fin dai primissimi momenti successivi dell’incontro di calcio Foggia – Brescia del  24 febbraio u.s., anche mediante visione di numerosi filmati acquisiti direttamente sul posto da operatori della polizia scientifica, ha individuato, responsabili dei tafferugli occorsi a margine della partita in questione.

I fatti: alle 14.45, infatti, giungeva in Viale Ofanto la carovana dei tre pullman con all’interno i tifosi del Brescia e scortata da mezzi del Reparto Mobile. Giunti quasi in prossimità dei cancelli della zona riservata al settore ospiti, all’altezza dell’incrocio tra Viale Ofanto e Via Gioberti, un gruppo di circa 100 supporters del Brescia fuoriusciva dai 3 mezzi ATAF ancora in movimento, al fine di eludere i controlli e i filtraggi da parte delle Forze dell’Ordine, controlli che le stesse si stavano predisponendo per fare. Nella circostanza, si contrapponevano violentemente alle Forze di Polizia, che erano costrette ad effettuare cariche di alleggerimento, impedendo ai bresciani, alcune decine dei quali già travisati in volto per non rendersi identificabili, di proseguire l’aggressione.

I tifosi, in risposta al tentativo deli Agenti di contenere l’azione, reagivano mulinando a guisa di frusta  grosse cinghie con fibbie in ferro, esplodendo diversi petardi ed utilizzando le aste delle bandiere come bastoni. Nella fase più concitata dei tafferugli un operatore della Polizia si Stato veniva trascinato a terra da 3 soggetti travisati in volto che tentavano di colpirlo con alcuni calci alla schiena. Solo la tempestività dell’intervento delle Forze di Polizia impediva il protrarsi dell’azione. Respinti nel loro settore, venivano filtrati e fatti salire sugli spalti controllati a vista ove assistevano all’incontro senza creare ulteriori turbative di ordine e sicurezza pubblica.

In particolare, a seguito della meticolosa attività investigativa, nonché la collaborazione fra le due Questure, sono stati identificati M.P., classe 1993, G.A., classe 1976, già gravato da DASPO nel 2013, M.L., classe 1998, M.M., classe 1996, già sottoposto a DASPO nel 2016, S.M., classe 1997, P.N., classe 1995, già destinatario di provvedimento di DASPO, C.A., classe 1987, A.M., classe 1969, già destinatario di DASPO, C.M., classe 1986, GD., classe 1987, già destinatario di DASPO, F.G., classe 1991, B.N., classe 1996.

Oltre ai provvedimenti a firma del Questore della Provincia di Foggia Mario Della Cioppa, i destinatari dei provvedimenti di DASPO – a vario titolo – sono stati altresì deferiti all’A.G. competente per aver, usato violenza e  minaccia, alcuni dei quali travisati in volto e con mazze,  nei confronti degli Agenti della Polizia di Stato. I tre ultras del Brescia responsabili di aver trascinato a terra l’operatore della  Polizia di Stato sono stati deferiti anche per lesioni aggravate a pubblico Ufficiale.

Continuano le indagini della Polizia di Stato per individuare ulteriori profili di responsabilità e applicare ulteriori sanzioni nei confronti dei responsabili.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*